intervento
Epidemiol Prev 2020; 44 (2-3): 189-190
DOI: https://doi.org/10.19191/EP20.2-3.P189.042

Sensibilità, specificità, valore predittivo nei test sierologici per Covid-19

Sensitivity, specificity, predictive values in serological Covid-19 tests

  • Piergiorgio Duca1

  1. Università degli Studi di Milano
Piergiorgio Duca -

Riassunto:

Quanto possiamo fidarci dell’esito di un test sugli anticorpi anti-Covid-19? Dipende dalla corrispondenza fra l’esito del test (positivo o negativo) e la realtà di fatto (anticorpi presenti o assenti). Per dare una risposta occorre anzitutto conoscere la sensibilità del test (capacità del test di risultare positivo se applicato a un “portatore” di anticorpi) e la sua specificità (capacità di risultare negativo se applicato a un “non portatore”), entrambe stimate in uno studio di accuratezza diagnostica ben disegnato, condotto e analizzato. Ma non basta. La risposta alla domanda dipende anche da un terzo parametro: dalla prevalenza della condizione indagata, ovvero dalla frequenza relativa dei “portatori” nella popolazione dalla quale il soggetto sottoposto a test è estratto. Occorre considerare tutti e tre questi elementi prima di conferire qualunque patente di immunità ai positivi.


  • Se sei abbonato scarica il PDF nella colonna in alto a destra
  • Se non sei abbonato ti invitiamo ad abbonarti online cliccando qui
  • Se vuoi acquistare solo questo articolo scrivi a: abbonamenti@inferenze.it (20 euro)

Inserisci il tuo commento

L'indirizzo mail è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CAPTCHA
Riporta le lettere mostrate nel riquadro senza spazi. Non c'è differenza tra maiuscole e minuscole.
n
7
M
i
v
Non inserire spazi. E' indifferente l'uso del maiuscolo/minuscolo