pubblicazione
Epidemiol Prev 2013; 37 (4-5), luglio-ottobre

Inquinamento atmosferico e salute umana - II ed.

Epidemiologia&Prevenzione cover

Scarica l'intero volume in pdf (2M).

INTRODUZIONE

L’ambiente urbano è particolarmente importante per la salute della popolazione a causa delle elevate concentrazioni di attività antropiche inquinanti in uno spazio limitato. Negli agglomerati urbani infatti la popolazione è esposta, insieme ad altri organismi animali e vegetali, a miscele di agenti fisici e chimici potenzialmente dannosi per la salute. L’attenzione va rivolta in modo prioritario agli inquinanti atmosferici emessi in prevalenza dal traffico autoveicolare, dal riscaldamento domestico e dagli insediamenti industriali. L’ambiente urbano e le zone...

Scarica l'intero volume in pdf (2M).

INTRODUZIONE

L’ambiente urbano è particolarmente importante per la salute della popolazione a causa delle elevate concentrazioni di attività antropiche inquinanti in uno spazio limitato. Negli agglomerati urbani infatti la popolazione è esposta, insieme ad altri organismi animali e vegetali, a miscele di agenti fisici e chimici potenzialmente dannosi per la salute. L’attenzione va rivolta in modo prioritario agli inquinanti atmosferici emessi in prevalenza dal traffico autoveicolare, dal riscaldamento domestico e dagli insediamenti industriali. L’ambiente urbano e le zone industriali infatti sono spesso confinanti, in quanto un’intensa industrializzazione è un elemento tipico delle periferie delle grandi città nei paesi sviluppati. Evidenze crescenti mostrano che all’esposizione a inquinanti presenti nell’ambiente di vita si possono attribuire quote non trascurabili della morbosità e mortalità per neoplasie, malattie cardiovascolari e respiratorie. Nonostante negli ultimi 30-40 anni in molte città europee si sia raggiunto un notevole miglioramento nella qualità dell’aria, il problema dell’inquinamento atmosferico urbano e dei suoi effetti sulla salute non è stato risolto. Al diminuire dei livelli di inquinanti tradizionali quali il biossido di zolfo (SO2) in seguito a ristrutturazioni industriali, innovazioni tecnologiche, miglioramenti nella qualità dei combustibili e normative per il controllo della qualità dell’aria, è andato crescendo il volume di traffico autoveicolare e il livello dei nuovi inquinanti. L’Agenzia europea dell’ambiente (EEA) riferisce che l’uso dell’auto privata è rimasto più o meno stabile, nonostante la recessione economica e le oscillazioni del prezzo del carburante degli ultimi dieci anni; tuttavia le nuove auto stanno diventando più efficienti nell’uso e nel consumo del carburante.6 Bisogna però sottolineare che dal rapporto TERM 2012 (Transport and Environment Reporting Mechanism) realizzato dall’EEA emerge che gli obiettivi sulla qualità dell’aria sono stati superati in molte aree europee. Per quanto riguarda il biossido di azoto (NO2), che può causare asma e altri problemi respiratori, nel 2010 i valori limite annuali sono stati superati nel 44% delle stazioni di monitoraggio del traffico. Per quanto riguarda il particolato (PM10), anch’esso nocivo per la salute umana, nel 2010 è stato osservato il superamento del suo valore limite giornaliero nel 33% delle zone di traffico in tutta l’UE-27.

INDICE

5 Prefazione

7 1 Introduzione
7 1.1 Il parco veicoli in Italia
8 1.2 Trasporti e consumo di energia

10 2 Caratterizzazione dell’inquinamento atmosferico
11 2.1 La classificazione degli inquinanti atmosferici
12 2.2 Gli inquinanti particolati
13 2.3 Gli inquinanti gassosi atmosferici

14 3 Valutazione dell’esposizione a inquinanti ambientali
16 3.1 La rete di monitoraggio della qualità dell’aria
18 3.2 Biomonitoraggio (licheni)
20 3.3 Monitoraggio passivo
21 3.4 La tecnologia GIS (Geographic Information System)
22 3.5 Distanza della residenza dalle strade ad alto traffico
22 3.6 Flussi di traffico lungo le strade residenziali
23 3.7 Chilometri percorsi in una determinata sezione stradale
23 3.8 Modelli di dispersione
24 3.9 Indicatori biologici (biomarker)
25 3.10 Dendrocronologia

27 4 Cenni sulla normativa vigente e sugli standard di qualità dell’aria

34 5 Come si studiano gli effetti avversi sulla salute dell’inquinamento atmosferico
34 5.1 Studi tossicologici
36 5.2 Meccanismi di azione degli agenti tossici
36 5.3 Classificazione delle sostanze tossiche
37 5.4 Studi epidemiologici
41 5.5 Principali misure epidemiologiche

43 6 Effetti dell’inquinamento atmosferico sulla salute
43 6.1 Effetti a breve termine negli adulti
47 6.2 Effetti a lungo termine negli adulti
50 6.3 Effetti a breve e a lungo termine nei bambini
51 6.4 Meccanismi d’azione degli inquinanti atmosferici
54 6.5 Studi di intervento

57 7 Effetti dei cambiamenti climatici sulla salute
57 7.1 Cambiamento climatico
59 7.2 Effetti sulla salute
62 7.3 Conclusioni

63 8 Percezione e comunicazione del rischio
63 8.1 Percezione del rischio
67 8.2 Comunicazione del rischio

68 9 Strategie di adattamento, mitigazione e prevenzione
69 9.1 Adattamento
70 9.2 Mitigazione
71 9.3 Prevenzione
72 9.4 Mobilità e viabilità
73 9.5 Stile di vita

75 10 Considerazioni conclusive

77 11 Bibliografia

83 12 Glossario