editoriale
Epidemiol Prev 2019; 43 (2-3): 114-115
DOI: https://doi.org/10.19191/EP19.2-3.P114.042

Le responsabilità degli epidemiologi nella società

Epidemiologists’ responsibility in our society

  • Andrea Micheli1

  • Francesco Forastiere1

  1. Direttori scientifici di Epidemiologia&Prevenzione

Riassunto:

Come epidemiologi impegnati nella sanità pubblica e nella ricerca abbiamo delle responsabilità nelle vicende sociali e politiche del nostro Paese, proprio per il ruolo che rivestiamo nella società.


  • Se sei abbonato scarica il PDF nella colonna in alto a destra
  • Se non sei abbonato ti invitiamo ad abbonarti online cliccando qui
  • Se vuoi acquistare solo questo articolo scrivi a: abbonamenti@inferenze.it (20 euro)

Commenti

giusto, ma dobbiamo schierarci dal punto di vista scientifico

noi epidemiologi e operatori di sanità pubblica siamo oggi anche consapevoli dei limiti intrinseci della scienza, oltre che delle sue enormi potenzialità di conoscenza, siamo consapevoli dell'incertezza che accompagna sempre il nostro lavoro. Secondo me occorre quindi schierarci contro l'arroganza, l'hybris, di una visione scientifica deterministica e riduzionistica che è alla base della dismisura, del senso di onnipotenza che accompagna l'attuale ingiusto sistema tecnologico ed economico, meccanismi che originano poi la crisi politica, sociale e ambientale attuale. In questo senso l'idea di scienza post normale di Silvio Funtowicz e Jerry Ravetz può essere un iteressante spunto di dibattito.

Ubaldo Bicchielli

cambiamenti climatici e VIS

E' opportuno considerare con maggior forza e determinazione il cambiamento climatico (determinante principale) in tutti i procedimenti di impatto sulla salute (VIA,VAS,VIS,AIA), utilizzando, se possibile, anche dati quantitativi (CO2 equivalenti?).

Inserisci il tuo commento

L'indirizzo mail è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CAPTCHA
Riporta le lettere mostrate nel riquadro senza spazi. Non c'è differenza tra maiuscole e minuscole.
b
t
F
n
7
Non inserire spazi. E' indifferente l'uso del maiuscolo/minuscolo