articolo scientifico
Epidemiol Prev 2013; 37 (1): 35-42

Sorveglianza epidemiologica dei mesoteliomi per la prevenzione dell’esposizione ad amianto anche in attività non tradizionalmente coinvolte

Epidemiologic surveillance of mesothelioma for the prevention of asbestos exposure also in non traditional settings

  • Alessandra Binazzi1

  • Alberto Scarselli1

  • Marisa Corfiati1

  • Davide Di Marzio1

  • Claudia Branchi1

  • Marina Verardo2

  • Dario Mirabelli3

  • Valerio Gennaro4

  • Carolina Mensi5

  • Gert Schallenberg6

  • Enzo Merler7

  • Renata De Zotti8

  • Antonio Romanelli9

  • Elisabetta Chellini10

  • Cristiana Pascucci11

  • Daniela D’Alò12

  • Francesco Forastiere13

  • Luana Trafficante14

  • Simona Menegozzo15

  • Marina Musti16

  • Gabriella Cauzillo17

  • Attilio Leotta18

  • Rosario Tumino19

  • Massimo Melis20

  • Alessandro Marinaccio1

  • Gruppo di lavoro ReNaM22

  1. INAIL, Settore ricerca, certificazione e verifica, Dipartimento di medicina del lavoro, Laboratorio di epidemiologia
  2. Centro operativo regionale (COR) della Valle d’Aosta, Unità sanitaria locale Valle d’Aosta, Aosta
  3. COR Piemonte, Università di Torino e Ospedale S. Giovanni Battista, Unità di epidemiologia dei tumori, Torino
  4. COR Liguria, Istituto nazionale per la ricerca sul cancro (IST), SSD epidemiologia descrittiva – registri tumori, Dipartimento di epidemiologia e prevenzione, Genova
  5. COR Lombardia, Dipartimento di medicina preventiva, del lavoro e dell’ambiente, Fondazione IRCCS Ca’ Granda, Ospedale Maggiore Policlinico e Università degli Studi di Milano
  6. COR Provincia Autonoma di Trento, Azienda provinciale per i servizi sanitari, igiene e medicina del lavoro, Rovereto (TN)
  7. COR Veneto, Servizio di prevenzione, igiene e sicurezza negli ambienti di lavoro (SPISAL) AULSS 16, Padova
  8. COR Friuli Venezia Giulia, Azienda ospedalierouniversitaria Ospedali riuniti di Trieste, Struttura complessa di medicina del lavoro, Trieste
  9. COR Emilia-Romagna, ASL Reggio Emilia, Dipartimento di sanità pubblica, Reggio Emilia
  10. COR Toscana, Istituto per lo studio e la prevenzione oncologica (ISPO), UO Epidemiologia, Firenze
  11. COR Marche, Università di Camerino, Dipartimento di salute e igiene ambientale, Camerino (MC)
  12. COR Umbria, Università di Perugia, Dipartimento di igiene e sanità pubblica, Perugia
  13. COR Lazio, Dipartimento di epidemiologia ASL RM/E, Agenzia di sanità pubblica della Regione Lazio, Università Sapienza di Roma, Dipartimento di medicina sperimentale, Anatomia patologica, Roma
  14. COR Abruzzo, USL Pescara, UO Medicina del lavoro, Polo sanitario Tocco da Casauria (PE)
  15. COR Campania, II Università di Napoli, Dipartimento di medicina sperimentale, Napoli
  16. COR Puglia, Università di Bari, Dipartimento di medicina interna e sanità pubblica, Sezione di medicina del lavoro B. Ramazzini, Bari
  17. COR Basilicata, Osservatorio epidemiologico regionale, Potenza
  18. COR Calabria, ASL Lamezia Terme, Unità di anatomia patologica, Lamezia Terme (CZ)
  19. COR Sicilia, Registro tumori ASP Ragusa
  20. COR Sardegna, Osservatorio epidemiologico regionale, Cagliari
  21. COR Sicilia, Dipartimento osservatorio epidemiologico, Assessorato sanità Regione Sicilia
  22. Elenco completo a pagina 41 dell'articolo
Alessandra Binazzi -

Cosa si sapeva già

  • Gli elevati consumi di amianto e l’ampio spettro di attività economiche coinvolte hanno determinato l’istituzione di uno specifico sistema di sorveglianza epidemiologica dei mesoteliomi.
  • Sono stati documentati gli alti tassi di incidenza della malattia, le misure di latenza, di sopravvivenza e le attività economiche che sono coinvolte con più frequenza nell’esposizione.

Cosa si aggiunge di nuovo

  • L’archivio del Registro nazionale contiene informazioni relative a 15.845 casi di mesotelioma maligno, rilevati tramite un sistema di ricerca attiva e analisi standardizzata delle storie professionali, residenziali e familiari dei soggetti ammalati.
  • L’analisi retrospettiva delle circostanze di esposizione porta alla luce numerose situazioni non attese e atipiche, che suggeriscono un possibile rischio di esposizione ancora attuale.

Riassunto:

OBIETTIVO: evidenziare che la sorveglianza epidemiologica dei mesoteliomi maligni (MM) non solo identifica situazioni di esposizione del passato industriale del nostro Paese, ma può suggerire circostanze di esposizione inconsapevole nei luoghi di vita e di lavoro rilevanti per la prevenzione dei rischi.
DISEGNO: ricerca attiva dei casi di MM e analisi individuale delle esposizioni tramite questionario.
SETTING E PARTECIPANTI: tutte le Regioni presso cui è istituito un Centro operativo regionale (COR) con compiti di identificazione e di analisi dei casi di MM insorti nel proprio territorio. Periodo di diagnosi: 1993-2008.
PRINCIPALI MISURE DI OUTCOME: analisi descrittiva dei casi di mesotelioma maligno e delle situazioni di esposizione ad amianto che il ReNaM identifica sui soggetti ammalati.
RISULTATI: le modalità di esposizione sono state approfondite per 12.065 casi (76% del totale Epidemiol Prev 2013; 37 (1): 35-42 dei casi registrati da ReNaM nel 1993-2008). La latenza mediana è di 46 anni. Sono state evidenziate, oltre a cluster di casi in attività notoriamente correlate all’uso industriale storico di amianto nel nostro Paese, alcune situazioni di particolare interesse per la prevenzione dei rischi da esposizione ad amianto oggi.
CONCLUSIONE: la sorveglianza epidemiologica dei tumori professionali è uno strumento di prevenzione dei rischi da esposizione ad agenti cancerogeni nei luoghi di vita e di lavoro; è auspicabile che l’esperienza del ReNaM si estenda a tutti i tumori di origine professionale, come previsto dal D.Lgs 81/2008, consentendo una sinergia con i sistemi di riconoscimento e indennizzo e una più ampia disponibilità di informazione per i servizi territoriali di prevenzione.

Parole chiave: mesotelioma, amianto, sorveglianza epidemiologica, prevenzione

Abstract:

OBJECTIVE: to show how malignant mesothelioma (MM) surveillance not only identifies settings of exposure representing past industrial history, but it may also detect conditions of current exposure relevant for the prevention, if the wide spectrum of asbestos uses is considered.
DESIGN: active search of MM cases and exposure assessment at individual level through a questionnaire; identification of exposure circumstances relevant for prevention.
SETTING AND PARTICIPANTS: Italy, all the Regions where a Regional Operating Centre (COR) is established to identify all MM cases diagnosed in the population and analyze their occupational, residential, household and environmental histories. Period of diagnosis: 1993-2008.
MAIN OUTCOME MEASURES: descriptive analysis of MM cases and of asbestos exposures.
RESULTS: ReNaM includes 15,845 cases of MM diagnosed between 1993 and 2008.The male/female ratio is 2.5.Mean age at diagnosis is 69 years. Pleural MMs represent 93% of all cases. Exposures have been investigated in 12,065 cases (76%). The median latency time is 46 years. In addition to clusters of MM cases in activities well known to entail asbestos use, different current exposure circumstances requiring intervention have been evidenced.
CONCLUSIONS: on the basis of this experience, epidemiological surveillance of all occupational cancers should be implemented to foster synergies with the compensation system and the Local Health Authorities’ occupational safety and health services, as required by the Italian Legislative Decree N. 81/2008.

Keywords: mesothelioma, asbestos, epidemiologic surveillance, prevention


  • Se sei abbonato scarica il PDF nella colonna in alto a destra
  • Se non sei abbonato ti invitiamo ad abbonarti online cliccando qui
  • Se vuoi acquistare solo questo articolo scrivi a: abbonamenti@inferenze.it (20 euro)

Inserisci il tuo commento

L'indirizzo mail è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CAPTCHA
Riporta le lettere mostrate nel riquadro senza spazi. Non c'è differenza tra maiuscole e minuscole.
g
e
D
c
j
Non inserire spazi. E' indifferente l'uso del maiuscolo/minuscolo