articolo scientifico
Epidemiol Prev 2014; 38 (6): 383-389

La mortalità per genere nei bambini e negli adolescenti in Toscana

Gender mortality in children and adolescents resident in Tuscany Region (Central Italy)

  • Elisabetta Chellini1

  • Andrea Martini1

  1. SS epidemiologia ambientale occupazionale, Istituto per lo studio e la prevenzione oncologica (ISPO), Firenze
Elisabetta Chellini -

Cosa si sapeva già

  • La mortalità nell’infanzia e nell’adolescenza nel nostro Paese si è ridotta molto negli ultimi decenni ed è a livelli molto bassi rispetto ad altri Paesi europei.
  • La Toscana presenta in genere un profilo di mortalità analogo a quello nazionale.
  • La mortalità nei maschi a qualsiasi età è maggiore di quella osservata nelle femmine.
  • Alcune cause di morte sono più frequenti nei bambini e negli adolescenti di sesso maschile rispetto alle coetanee.

Cosa si aggiunge di nuovo

  • Benché la mortalità che si osserva nell’infanzia e nell’adolescenza in Toscana sia a livelli bassi, vi sono ancora margini di riduzione.
  • I maschi muoiono di più rispetto alle femmine in qualsiasi fascia di età, anche al netto degli eventi accidentali, per cause tuttora non ben conosciute.

Riassunto:

OBIETTIVI: esaminare gli andamenti della mortalità per genere e le cause di decesso che si osservano in bambini e adolescenti toscani.
DISEGNO
: studio descrittivo.
SETTING E PARTECIPANTI
: tutti i decessi avvenuti dal 1987 al 2010 nei residenti in Toscana di età ≤19 anni, registrati dal Registro di mortalità regionale toscano.
PRINCIPALI MISURE DI OUTCOME
: mortalità infantile, neonatale e post-neonatale per 1.000 nati vivi (tassi annuali e medie mobili triennali); tassi di mortalità specifici per età e genere per 100.000 abitanti; rischi relativi (RR) di morte nei maschi rispetto alle femmine per età e causa e relativi intervalli di confidenza al 95%.
RISULTATI
: il numero complessivo dei decessi considerati è pari a 6.202 (3.804 nei maschi e 2.398 nelle femmine). La mortalità infantile si è dimezzata dal 1995 al 2010 in relazione alla riduzione della mortalità neonatale. La mortalità dal 1987 al 2010 si è ridotta anche per le fasce di età successive. Il maggior numero di decessi si è osservato nei maschi, per i quali i RR di morte rispetto alle femmine sono significativamente in eccesso per tutte le classi di età (RR =1,53; IC95% 1,46-1,62), per il primo anno di vita (RR 1,17; IC95% 1,07-1,28), sopra i 10 anni di vita (età 10-14: RR 1,35; IC95% 1,13-1,60 – età 15-19: RR 2,94; IC95% 2,64-3,28), e per tutti i tumori, disturbi psichici, malattie del sistema nervoso, malattie dell’apparato circolatorio, cause di origine perinatale, e per traumatismi e avvelenamenti.
CONCLUSIONE: potenzialmente vi sono ancora margini di riduzione della mortalità nell’infanzia e nell’adolescenza, anche se non elevati, in particolare per cause accidentali. Le differenze di genere osservate nella mortalità in tutto il periodo della crescita, anche al netto degli eventi accidentali, rimangono ancora in buona parte da approfondire.

Parole chiave: mortalità, mortalità infantile, rischio di morte, differenze di genere

Abstract:

OBJECTIVES: to evaluate the mortality trends by gender and cause of death in children and adolescents resident in Tuscany Region (Central Italy).
DESIGN: descriptive study.
SETTING AND PARTICIPANTS: all deaths occurred in children and adolescents resident in Tuscany Region in the period 1987-2010, registered by the Tuscan regional mortality registry.
MAIN OUTCOME MEASURES: infant, neonatal and post-neonatal mortality per 1,000 life births (annual and three-year moving average mortality rates); mortality rates by gender and age classes per 100,000; death relative risks (RR) in males compared with females by age and cause of death, and 95% confidence intervals.
RESULTS: the total number of deaths considered is 6,202 (3,804 in males and 2,398 in females). Infant mortality halved from 1995 up to 2010 due to the reduction of neonatal mortality. Mortality trends by following age classes has been reducing since 1987 till 2010. The vast majority of deaths occurred in males. Excesses in relative risks of death are observed in males compared to females in all age classes (RR 1.53; 95%CI 1.46-1.62), during the first year of life (RR 1.17; 95%CI 1.07-1.28), after 10 years old (age class 10-14: RR 1.35; 95%CI 1.13-1.60 – age class 15-19: RR 2.94; 95%CI 2.64-3.28), and for all cancers, psychiatric disorders, nervous system and circulatory diseases, perinatal causes and accidents.
CONCLUSION: there are still possibilities to further reduce mortality of children and adolescents, even not so much, especially deaths caused by accidents. Mortality differences between male and female children and adolescents, observed even without considering accidents, still warrant investigation.

Keywords: mortality, infant mortality, mortality risk, gender difference


  • Se sei abbonato scarica il PDF nella colonna in alto a destra
  • Se non sei abbonato ti invitiamo ad abbonarti online cliccando qui
  • Se vuoi acquistare solo questo articolo scrivi a: abbonamenti@inferenze.it (20 euro)

Inserisci il tuo commento

L'indirizzo mail è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CAPTCHA
Riporta le lettere mostrate nel riquadro senza spazi. Non c'è differenza tra maiuscole e minuscole.
s
p
U
9
R
Non inserire spazi. E' indifferente l'uso del maiuscolo/minuscolo