articolo scientifico
Epidemiol Prev 2012; 36 (1): 16-26

Impatti ambientali e sanitari prodotti dalla combustione di biomasse legnose per la produzione di calore ed elettricità

Environmental and health impacts of wood combustion to produce heat and power

  • Federico Valerio1

  1. Istituto nazionale per la ricerca sul cancro - Genova
Federico Valerio - federico.valerio@istge.it

Cosa si sapeva già

  • L’uso di biomasse legnose è la principale fonte di energia e di inquinamento nelle abitazioni dei Paesi in via di sviluppo e i Paesi sviluppati incentivano l’uso energetico delle biomasse in centrali termoelettriche per ridurre le emissioni di gas clima alteranti.

Cosa si aggiunge di nuovo

  • L’uso di biomasse legnose per la produzione di calore per usi domestici produce importanti impatti ambientali all’interno e all’esterno delle abitazioni, dovuti alle emissioni di sostanze tossiche e cancerogene. Un particolare problema associato alla combustione delle biomasse è l’alta concentrazione di polveri ultrasottili (<1 micron) nei fumi. Questo problema è di entità maggiore negli impianti domestici ma riguarda anche i grandi impianti termoelettrici alimentati con biomasse legnose. In entrambi i casi, i fattori di emissione attualmente disponibili segnalano che, a parità di energia prodotta, le emissioni di caldaie a biomasse, sono nettamente superiori alle emissioni di centrali alimentate con metano.
  • Gli effetti sulla salute delle esposizioni ai fumi prodotti da impianti a biomasse per usi domestici, possono essere rilevanti e le emissioni di grandi centrali a biomasse, in particolare PM2,5, richiedono adeguati e urgenti monitoraggi ambientali e sanitari per valutare l’opportunità di continuare a incentivare, con sovvenzioni pubbliche, la produzione di elettricità con la combustione diretta di biomasse solide.

Riassunto:

Nei fumi che si producono con la combustione del legno sono presenti numerose sostanze tossiche e cancerogene: benzene, formaldeide, idrocarburi policiclici aromatici (IPA), diossine, polveri fini e ultrafini. I fattori di emissione disponibili dimostrano come, a parità di energia prodotta, le centrali termoelettriche alimentate a legna inquinino molto di più di quelle a gas naturale. Tutti gli studi confermano come i fumi di legna producano un deterioramento della qualità dell’aria, all’interno e all’esterno delle abitazioni, in particolare a causa della emissione di polveri fini e ultrafini (PM10, PM2,5). Numerosi studi hanno valutato i possibili effetti sulla salute attribuibili all’esposizione, in ambienti domestici, ai prodotti di combustione di biomasse, concludendo che il fumo di legna possa avere effetti negativi sulla salute umana; in particolare nel 2010 la IARC ha classificato il fumo di legna come possibile cancerogeno per l’uomo. In Europa, la produzione d’energia elettrica e di calore dalla combustione di biomasse è in costante aumento (12%annuo), anche grazie agli incentivi per favorire la produzione di elettricità da fonti rinnovabili e la riduzione delle emissioni di gas serra. A oggi mancano studi adeguati a valutare gli effetti ambientali e sanitari delle numerose centrali termoelettriche alimentate a biomasse entrate in funzione che, nel 2008, nei 27 Paesi della UE hanno prodotto 108 Terawattora di energia elettrica, di cui il 53% con la combustione di biomasse legnose.

Parole chiave: bio combustibili, inquinamento in ambienti confinati, inquinamento aria, effetti sanitari.

Abstract:

Toxic chemicals such as benzene, polycyclic aromatic hydrocarbons, dioxins, and ultra fine particles were found in the smoke produced by wood combustion. Emission factors confirm that, to produce the same energy amount, many more pollutants are emitted by wood than by natural gas. Biomass burning produces a relevant deterioration of air quality inside and outside houses, notably due to emissions of fine and ultra fine dust (PM10, PM2.5) according to reviewed studies. Important improvements in emission quality are obtained with the use of more efficient household heating systems, both in developed and in developing countries. Numerous studies have assessed the possible health effects produced by wood smoke, providing sufficient evidence that the indoor exposure to wood smoke, even in developed countries, can have adverse effects on human health. In 2010 IARC classified wood smoke as a possible human carcinogen. In Europe, electricity generation frombiomass combustion is increasing (12% each year) thanks to incentives provided to reduce greenhouse gas emissions and use of fossil fuels.Today adequate studies to assess the environmental and health effects of emissions from power plants fuelled by solid biomasses are still needed.

Key words: bio fuels, indoor and outdoor pollution, health effects


  • Se sei abbonato scarica il PDF nella colonna in alto a destra
  • Se non sei abbonato ti invitiamo ad abbonarti online cliccando qui
  • Se vuoi acquistare solo questo articolo scrivi a: abbonamenti@inferenze.it (20 euro)


Scarica l'intero articolo in pdf.