articolo scientifico
Epidemiol Prev 2014; 38 (6): 357-363

Disegno e modalità di realizzazione dello studio CHIP (CHinese In Prato)

Design and arrangement of the CHIP (CHinese In Prato) study

  • Pietro Amedeo Modesti1,2

  • Yang Han3

  • Yang Jing1

  • Wang Xiaoling1

  • Zhang Mengyue1

  • Yang Zihua1

  • Guo Jia1

  • Eleonora Perruolo1

  • Lara Bini1

  • Maira Camera1

  • Annibale Biggeri4,5

  • Stefano Rapi2

  • Chen Hongsheng6

  • Zhang Li6

  • Wang Zengli7

  • Hu Jianbin8

  • Zhao Xiaoyue9

  • Dong Zhao10

  1. Dipartimento di medicina sperimentale e clinica, Università degli Studi di Firenze
  2. Azienda ospedaliero-universitaria Careggi
  3. Consolato generale della Repubblica popolare cinese a Firenze
  4. Dipartimento di statistica, informatica, applicazioni “G. Parenti”, Università degli Studi di Firenze
  5. Istituto per lo studio e la prevenzione oncologica, Firenze
  6. Associazione d’amicizia dei cinesi a Prato
  7. Associazione generale di commercio italo-cinese, Sezione Prato
  8. Associazione culturale cinese di Fujian a Prato
  9. Associazione buddista della Comunità cinese in Italia
  10. Bejing Institute of heart, lung and blood disease, Pechino, China
Pietro Amedeo Modesti -

Cosa si sapeva già

  • Con il rilevante cambiamento delle condizioni socioeconomiche in Cina, la prevalenza di diabete mellito nella popolazione generale è passata dal 2% nel 1980 all’11% nel 2013, ma non sono disponibili dati sulla popolazione cinese residente in Europa.
  • Secondo stime non ufficiali, la comunità cinese presente a Prato è la terza in Europa per densità rispetto alla popolazione residente.
  • Se i dati rilevati in Cina fossero confermati anche presso la popolazione immigrata in Italia, gli eventi cardiovascolari e renali negli anni futuri potrebbero costituire un carico importante per i sistemi sanitari regionali.

Cosa si aggiunge di nuovo

  • La conduzione di uno studio su una popolazione costituita in larga parte da immigrati non regolari non può essere basata su una procedura di reclutamento convenzionale (mancano liste di popolazione).
  • E’ invece possibile la realizzazione di una ricerca partecipata attraverso il coinvolgimento diretto della popolazione e la formazione di un gruppo di cittadini cinesi direttamente impegnati a progettare e condurre l’indagine, grazie alla collaborazione delle autorità consolari e alla partecipazione attiva delle principali associazioni della popolazione cinese a Prato.
  • Il coinvolgimento diretto della comunità nella progettazione e nella conduzione di una survey è un elemento importante per la trasmissione di un messaggio di prevenzione a una popolazione elusiva.

Riassunto:

Negli ultimi 20 anni il rilevante cambiamento delle condizioni socioeconomiche della Repubblica popolare cinese si è accompagnato a un importante aumento della prevalenza di diabete mellito e ipertensione arteriosa nella popolazione generale. In particolare, dati recenti indicano che la prevalenza di diabete è passata da un valore inferiore al 2% nel 1980 all’11,6% nel 2013. Negli stessi anni si è avuto un importante aumento dell’immigrazione cinese in alcune aree in Italia. In particolare a Prato dove, secondo stime non ufficiali, la comunità cinese è adesso la terza in Europa dopo Londra e Parigi, con oltre 40.000 individui, una larga percentuale dei quali è presente in maniera non regolare. La forte tendenza all’aggregazione e i limitati contatti con i sistemi sanitari regionali rendono difficile veicolare una corretta informazione di prevenzione presso questa comunità, e non sono disponibili dati sulla prevalenza di ipertensione, diabete e danno renale. L’Italia, come la maggioranza dei Paesi europei, garantisce l’accesso alle prestazioni sanitarie di emergenza (ictus e infarto miocardico) anche agli immigrati non regolari e, se i dati rilevati in Cina fossero confermati anche presso la popolazione immigrata in Italia, gli eventi cardiovascolari e renali negli anni futuri potrebbero costituire un carico importante per il sistema sanitario regionale.
La conduzione di uno studio su una popolazione costituita in larga parte da immigrati non regolari rende necessario un approccio diverso rispetto agli approcci convenzionali, che si configura nella realizzazione di una ricerca partecipata che richiede il coinvolgimento diretto della popolazione con la formazione di un gruppo di cittadini cinesi direttamente impegnati a progettare e condurre la survey. A Prato ciò è stato possibile grazie alla partecipazione attiva delle principali associazioni della popolazione cinese presenti in città e alla collaborazione delle autorità consolari. Lo scopo della survey CHIP (CHinese In Prato) è di indagare la prevalenza di diabete e fattori di rischio cardiovascolare tra gli immigrati cinesi, dati essenziali per sviluppare strategie efficaci per la prevenzione e il trattamento dei fattori di rischio cardiovascolare nelle popolazioni vulnerabili. La procedura di reclutamento è iniziata l’8 luglio 2014.
Il coinvolgimento diretto della comunità nella progettazione e nella conduzione di una survey sui principali fattori di rischio cardiovascolare e renali diviene quindi un elemento importante per la trasmissione di un messaggio di prevenzione a una popolazione elusiva.

Abstract:

Following the rapid economic development, China is experiencing a progressive increase in the incidence of cardiovascular (CV) events and in the prevalence of CV risk factors. According to recent estimations, the prevalence of diabetes sharply increased from 1% in 1980 to 11% in 2013.
Migration from China to Europe is now mainly concentrated in Countries of the Southern Europe, e.g., Italy and Spain. The largest Chinese community living in Italy is now settled in Prato, being also one of the largest Chinese community in Europe. Local authorities estimate a number of Chinese citizens living in Prato of over 40,000 individuals, including illegal immigrants. The availability of reliable data on the health needs of Chinese population is thus a recognised priority for the local health system.
The creation of a participatory research where Chinese population directly participates in the formation of a group of citizens involved in designing and conducting the survey allows to overcome difficulties due to the lack of official demographic files. Secondly, and most important, this approach makes it possible to effectively pass a prevention message to an elusive population.
The purpose of the CHIP (CHinese In Prato) survey is to investigate the prevalence of diabetes and cardiovascular risk factors among Chinese immigrants. Recruitment procedure was started on 8th July 2014.


  • Se sei abbonato scarica il PDF nella colonna in alto a destra
  • Se non sei abbonato ti invitiamo ad abbonarti online cliccando qui
  • Se vuoi acquistare solo questo articolo scrivi a: abbonamenti@inferenze.it (20 euro)

Inserisci il tuo commento

L'indirizzo mail è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CAPTCHA
Riporta le lettere mostrate nel riquadro senza spazi. Non c'è differenza tra maiuscole e minuscole.
K
T
N
s
j
Non inserire spazi. E' indifferente l'uso del maiuscolo/minuscolo