rubrica
Epidemiol Prev 2019; 43 (4): 305-306
DOI: https://doi.org/10.19191/EP19.4.P305.082

LA PREVENZIONE DI DOMANI. Sigarette elettroniche: strumenti per smettere di fumare o dispositivi per incrementare il numero dei dipendenti da nicotina?

E-cig: a quit-smoking tool or a device to increase the number of nicotine addicted?

  • Gianluigi Ferrante1

  • Giuseppe Gorini2

  • Carla Bietta3

  • Alessandro Coppo4

  • Fabrizio Faggiano4

  1. Centro nazionale di ricerca e valutazione preclinica e clinica dei farmaci, Istituto superiore di sanità, Roma
  2. Sezione di epidemiologia ambientale e occupazionale, Istituto per lo studio, la prevenzione e la rete oncologica (ISPRO), Firenze
  3. Dipartimento di prevenzione, Servizio di epidemiologia, Azienda USL 2 dell’Umbria, Perugia
  4. Dipartimento di medicina traslazionale, Università del Piemonte Orientale, Novara
Gianluigi Ferrante -

Riassunto:

La sigaretta elettronica (e-cig) è un dispositivo che riscalda un liquido costituito da acqua, glicole propilenico, glicerolo, aromi e, nel 95% dei casi, nicotina per produrre un aerosol da inalare. Esistono anche dispositivi che riscaldano piccole sigarette di tabacco senza raggiungere la combustione per generare una sorta di “fumo freddo” contenente nicotina (heated tobacco product, HTP). A completamento dell’offerta di mercato, a gennaio 2019 è stata commercializzata in Italia una nuova e-cig, JUUL, di forma simile a una chiavetta USB contenente sali di nicotina in forma solida che vengono vaporizzati.


  • Se sei abbonato scarica il PDF nella colonna in alto a destra
  • Se non sei abbonato ti invitiamo ad abbonarti online cliccando qui
  • Se vuoi acquistare solo questo articolo scrivi a: abbonamenti@inferenze.it (20 euro)

Inserisci il tuo commento

L'indirizzo mail è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CAPTCHA
Riporta le lettere mostrate nel riquadro senza spazi. Non c'è differenza tra maiuscole e minuscole.
r
P
9
x
Z
Non inserire spazi. E' indifferente l'uso del maiuscolo/minuscolo