rubrica
Epidemiol Prev 2019; 43 (4): 307-308
DOI: https://doi.org/10.19191/EP19.4.P307.083

DALLA PARTE DEI BAMBINI. I network sui neonati pretermine: il confronto aiuta il miglioramento della qualità delle cure?

Neonatal networks: do comparisons improve the quality of care of preterm infants?

  • Roberto Bellù1

  • Luigi Gagliardi2

  1. UO neonatologia e terapia intensiva neonatale, ASST di Lecco
  2. UO neonatologia e pediatria, AUSL Toscana Nord-Ovest, Ospedale Versilia, Viareggio
Roberto Bellù -

Riassunto:

A livello globale, la nascita pretermine rappresenta un problema di sanità pubblica formidabile. Anche nei Paesi sviluppati, la frequenza di parti pretermine si aggira intorno al 10% (7% circa in Italia, 10% in Oceania, oltre 11% in Nord America) e non sta calando. In questi Paesi, i neonati molto pretermine (età gestazionale <32 settimane) rappresentano meno dell’1% dei nati, ma contribuiscono a più della metà della mortalità infantile, anche se nei decenni scorsi l’aumento della loro sopravvivenza è stato spettacolare.


  • Se sei abbonato scarica il PDF nella colonna in alto a destra
  • Se non sei abbonato ti invitiamo ad abbonarti online cliccando qui
  • Se vuoi acquistare solo questo articolo scrivi a: abbonamenti@inferenze.it (20 euro)

Inserisci il tuo commento

L'indirizzo mail è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CAPTCHA
Riporta le lettere mostrate nel riquadro senza spazi. Non c'è differenza tra maiuscole e minuscole.
M
f
W
P
N
Non inserire spazi. E' indifferente l'uso del maiuscolo/minuscolo