pubblicazione
Epidemiol Prev 2020; 44 (5-6), settembre-dicembre

Epidemiologia&Prevenzione cover

Questo numero di E&P affronta con articoli e interventi tre grandi temi che vale la pena di seguire con attenzione: i rischi ambientali e occupazionali, il COVID-19 e le disuguaglianze di salute.
È di estrema rilevanza il documento della Associazione italiana di epidemiologia per la valutazione dei risultati degli studi epidemiologici sull’esposizione all’amianto e la loro interpretazione ai fini preventivi e medico-legali. La premessa di questo contributo, relativamente alle modalità di stesura di un documento di consenso in modo che ne sia garantita la trasparenza e l’assenza di conflitti di interesse dei partecipanti, è ben presentata ed argomentata. Si...

Questo numero di E&P affronta con articoli e interventi tre grandi temi che vale la pena di seguire con attenzione: i rischi ambientali e occupazionali, il COVID-19 e le disuguaglianze di salute.
È di estrema rilevanza il documento della Associazione italiana di epidemiologia per la valutazione dei risultati degli studi epidemiologici sull’esposizione all’amianto e la loro interpretazione ai fini preventivi e medico-legali. La premessa di questo contributo, relativamente alle modalità di stesura di un documento di consenso in modo che ne sia garantita la trasparenza e l’assenza di conflitti di interesse dei partecipanti, è ben presentata ed argomentata. Si tratta di un monito che vale per l’amianto, sul quale i pesanti conflitti di interesse di alcune parti hanno turbato e alterato la discussione negli ultimi anni, ma vale anche per gli interventi ambientali, per i trattamenti e farmaci e per qualunque discussione che esiti in raccomandazioni per la protezione della salute a livello collettivo e individuale. Sempre sui temi ambientali, il contributo di Sabrina Battisti e collaboratori sul tema della caratterizzazione del rischio ambientale degli impianti zootecnici pone l’attenzione su un comparto che ha importanza notevole per gli stretti legami tra produzione alimentare e crisi climatica a cui si dedicherà – ce lo auguriamo – una parte del nuovo programma di Recovery Fund. E sull’ambiente dobbiamo notare lo studio geografico sugli effetti sanitari di un travagliato inceneritore nel comune di Pietrasanta in Toscana, che indubbiamente arricchisce le evidenze scientifiche su un tema discusso e controverso.
Ovviamente non sono pochi i contributi sul COVID-19, anche dopo l’ampio spazio che E&P ha fornito agli epidemiologi italiani con la recente monografia. Il tema dell’efficacia delle mascherine, nei suoi risvolti scientifici ed etici, è ripreso dall’editoriale della direzione e dal contributo di Mariachiara Tallacchini a fianco dell’articolo di Alberto Donzelli sullo stesso tema. L’articolo di Luigi Pinnarelli rappresenta un’ottima valutazione, attraverso i sistemi informativi correnti, dell’impatto della epidemia e del lockdown sul ricorso ai servizi sanitari, il primo passo per esplorare i cambiamenti complessivi di salute. Si tratta di osservazioni che hanno rilevanza metodologica per sfruttare di più a fini analitici le informazioni sanitarie correnti, come illustrato nell’interessante esperienza dei colleghi della Toscana (Francesco Profili e collaboratori) che attraverso algoritmi consolidati hanno prodotto una fotografia della prevalenza delle patologie più frequenti. Si tratta di una base informativa con ampie possibilità e già usata in Toscana per studi analitici sui fattori di rischio della malattia COVID-19.
Le differenze di salute per classe sociale sono il tema degli articoli di Chiara Di Girolamo e coll. (Emilia-Romagna) e Chiara Badaloni e coll. (Roma). Nel primo si usano i dati censuari per uno studio di coorte sul grado di istruzione e mortalità, mentre nel secondo si effettua un record linkage tra i dati di mortalità e le sezioni di censimento per analizzare la relazioni tra posizione socioeconomica e speranza di vita. Due approcci diversi, la conclusione è uguale: maggiore mortalità e diminuita speranza di vita sono a carico delle classi più deboli. Dobbiamo sapere presto come l’epidemia sta aggravando i differenziali di salute per classe sociale e quali interventi sono necessari per contenerne gli effetti.
Molto altro, ovviamente, e tanto da leggere, come sempre. Buona lettura!

Francesco Forastiere

Indice

Lettere


Editoriali


Attualità


Articoli Scientifici


Interventi


Rubriche