intervento
Epidemiol Prev 2014; 38 (6): 390-393

Fumare un numero minore di sigarette al giorno determina una riduzione significativa del rischio di sviluppare patologie legate al fumo? Quali benefici hanno gli svapatori?

Smoking fewer cigarettes per day may determine a significant risk reduction in developing smoking attributable diseases? Is there a risk reduction for e-cigarette users?

  • Luca Pieri1

  • Elisabetta Chellini2

  • Giuseppe Gorini2

  1. Scuola di specializzazione in igiene e medicina preventiva, Università di Firenze
  2. SC di epidemiologia ambientale occupazionale, Istituto per lo studio e la prevenzione oncologica (ISPO), Firenze
Luca Pieri -

Riassunto:

Negli ultimi anni circa 600.000 degli oltre 10 milioni di fumatori italiani hanno iniziato a usare la sigaretta elettronica (e-cig). Circa il 10% di questi smette di fumare il tabacco, mentre il 90% ne fa un uso combinato con la sigaretta tradizionale. Il 75% diminuisce, talvolta anche di molto, il numero di sigarette fumate ogni giorno (sig/die), senza però smettere.
Ma quante sigarette in meno bisogna fumare per ottenere benefici reali in termini di salute? Esiste un valore soglia?
Per osservare una riduzione significativa del 27% nel rischio di sviluppare tumore del polmone bisogna ridurre almeno del 50% il numero di sig/die; mentre per le altre patologie correlate al fumo (infarto, ictus, broncopneumopatie croniche ostruttive), pur dimezzando le sig/die, non si osserva alcuna riduzione significativa del rischio.
Fumare anche solo 5 sig/die comporta rischi, in particolare per l’insorgenza dell’infarto, nonostante ciò abbassi significativamente il rischio di sviluppare tumore del polmone.
Smettere di fumare, dunque, rappresenta la scelta che più di tutte riduce i rischi per tutte le patologie legate al fumo. Persino l’utilizzatore di sigaretta elettronica (detto anche “svapatore”), per ottenere riduzioni del rischio significative dovrebbe, come prima scelta, smettere di fumare e, se gli risulta impossibile, può come seconda scelta ridurre il consumo di sigarette tradizionali a meno di 5 sig/die.

Parole chiave: fumo di sigaretta, smettere di fumare, riduzione del danno, mortalità attribuibile al fumo, sigaretta elettronica

Abstract:

Among Italian smokers – about 10 millions in 2013 – about 600,000 began using electronic cigarettes (e-cigs) in last years. About 10% of e-cig users quitted smoking tobacco, whereas the 90% was dual users. Among them, about three out of four decreased the number of cigarettes smoked per day (cig/day), but did not quit.
How many fewer cigarettes a smoker has to smoke to obtain significant health benefits? Is there a threshold?
In order to observe a significant 27% reduction in the risk of developing lung cancer, a smoker must reduce the number of cig/day by at least 50%, while for the other smoking-related diseases (acute myocardial infarction – AMI, stroke, chronic obstructive pulmonary diseases), halving the number of cig/day did not drive to a significant risk reduction.
Even smoking 5 cig/day increases the risk of AMI, whereas it significantly lowers the risk of lung cancer.
Obviously, quitting smoking is the best choice to highly reduce risks for all smoking-related diseases.
Therefore, in order to achieve significant risk reductions, e-cig users should quit smoking as first choice, or, if they feel it is impossible to them, reduce the consumption of traditional cigarettes to less than 5 cig/day.

Keywords: smoking, smoking reduction, harm reduction, smoking attributable mortality, electronic cigarette


  • Se sei abbonato scarica il PDF nella colonna in alto a destra
  • Se non sei abbonato ti invitiamo ad abbonarti online cliccando qui
  • Se vuoi acquistare solo questo articolo scrivi a: abbonamenti@inferenze.it (20 euro)

Commenti

Gentile Fladiro, la sigaretta

Gentile Fladiro,
la sigaretta elettronica non farà altro che spingerla a usarla di più, in quanto meno dannosa. Questo potrebbe indurla a riprendere il fumo con quelle vere peggio di prima.
Io le consiglio di mantenere le sue due sigarette. sicuramente non praticava sport, altrimenti non avrebbe potuto fuamre due pacchetti. Provi cominciando con una camminata al giorno. Prima pochi passi, poi aumentando fino a quanto gradisce. Il corpo eliminerà più efficacemnte le tossine e la sua respirazione aiuterà i polmoni e il sistema cardiocircolatorio. Si fuma per piacere, lo so, e quel piacere due volte al giorno non può certo ucciderla. Se poi lo vuol fare durante la passeggiata i benefici saranno anche mentali. Vedrà che, dopo un pò di camminate e magari l'inizio di uno sport che le piace, le passerà anche la voglia di fumare. Ma lo faccia solo se le va. Il rischio è sempre in agguato. E non fumi sigarette "leggere", non c'è un reale beneficio, si goda la sua marca preferita. Tanti auguri!!!

Incredibile la sua storia,

Incredibile la sua storia, davvero.
Lei ha già contratto un tumore a causa del fumo, si è salvato senza lasciarci le penne, come generalmente avviene in buona parte dei casi ed ha avuto il coraggio di tornare a fumare?
Sono davvero sconcertato.
Certo ognuno può fare ciò che vuole della propria vita, anche buttarsi dal balcone, ma al giorno d'oggi con l'esistenza della sigaretta elettronica che può essere anche imbottita di nicotina e darle un appagamento anche superiore a quello della sigaretta, è ancora più incredibile ascoltare la sua vicenda.
Al posto suo, penserei seriamente di provare una sigaretta elettronica con un buon dosaggio di nicotina e con un aroma di suo gradimento e farei tesoro di avercela fatta, nonostante il tumore e gli anni di fumo accumulati.

Incredibile la sua storia,

Incredibile la sua storia, davvero.
Lei ha già contratto un tumore a causa del fumo, si è salvato senza lasciarci le penne, come generalmente avviene in buona parte dei casi ed ha avuto il coraggio di tornare a fumare?
Sono davvero sconcertato.
Certo ognuno può fare ciò che vuole della propria vita, anche buttarsi dal balcone, ma al giorno d'oggi con l'esistenza della sigaretta elettronica che può essere anche imbottita di nicotina e darle un appagamento anche superiore a quello della sigaretta, è ancora più incredibile ascoltare la sua vicenda.
Al posto suo, penserei seriamente di provare una sigaretta elettronica con un buon dosaggio di nicotina e con un aroma di suo gradimento e farei tesoro di avercela fatta, nonostante il tumore e gli anni di fumo accumulati.

bgiorno 2 mesi fa' sono stato

bgiorno
2 mesi fa' sono stato operato di tumore alla laringe.
mi hanno fatto la laringectomia parziale e lesame istoligico e' uscito bene
ero un fumatore di circa 40 sigarette al giorno,
ora ne fumo solo 1 a meta' mattina e 1 a meta' pomeriggio,
in quanto non riesco proprio a smettere del tutto.
pero'devo dire che 2 sigarette al giorno soddisfano il mio fabbisogno di nicotina.
da dire che ho ripreso a distanza di 40gg dall'operazione.
ora chiedo a quale rischi vado incontro.o almeno se la possibilita' di una ricadututa di un nuovo tumore e' elevato,oppure il rischio si è abbassato drasticamente,certo non fumarle e' meglio,ma e'piu' forte di me al momento.
in attesa di risposta grazie e buon lavoro

Inserisci il tuo commento

L'indirizzo mail è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CAPTCHA
Riporta le lettere mostrate nel riquadro senza spazi. Non c'è differenza tra maiuscole e minuscole.
C
C
R
R
z
Non inserire spazi. E' indifferente l'uso del maiuscolo/minuscolo