articolo scientifico
Epidemiol Prev 2010; 34 (3): 109-119

Il passaggio da ICD-9 a ICD-10 per le statistiche di mortalità

«Bridge Coding» ICD-9, ICD-10 and effects on mortality statistics

  • Stefano Brocco1

  • Piercarlo Vercellino2

  • Carlo Alberto Goldoni3

  • Natalia Alba1

  • Maria Giulia Gatti3

  • Daniele Agostini4

  • Mariangela Autelitano5

  • Annalisa Califano6

  • Franca Deriu7

  • Giuliano Rigoni8

  • Maria Teresa Cassinadri9

  • Elsa Garrone10

  • Gruppo  interregionale per lo studio della mortalità e della codifica in ICD-1011

  1. Servizio epidemiologico regione Veneto
  2. Dipartimento prevenzione servizio igiene e sanità pubblica struttura semplice epidemiologia Asl Biella
  3. Servizio epidemiologia Ausl Modena
  4. Medico igienista
  5. Servizio di epidemiologia Asl città di Milano
  6. Dipartimento di sanità pubblica servizio igiene pubblica Ausl Ferrara
  7. Pediatria di comunità Ausl Parma
  8. Dipartimento sanità pubblica Ausl Piacenza
  9. Dipartimento sanità pubblica Ausl Reggio-Emilia
  10. Istituto nazionale per la ricerca sul cancro Genova
  11. Studio di confronto a cura del Gruppo interregionale per lo studio della mortalità e della codifica in ICD-10. I membri del Gruppo interregionale sono elencati a fondo articolo(*).
Carlo Alberto Goldoni - Servizio di epidemiologia, Dipartimento di sanità pubblica, AUSL Modena, via Marcello Finzi 211, 41122 Modena - 059 435443 -

Cosa si sapeva già

  • Fino al 2002 in Italia il sistema di codifica delle cause di morte si basava unicamente sulla revisione della 9a Classificazione internazionale delle malattie e dei problemi sanitari correlati (ICD-9);
  • di recente l’ICD-9 è stata sostituita dalla ICD-10.

Cosa si aggiunge di nuovo

  • Il passaggio dalla 9a alla 10a revisione ha comportato cambiamenti nella codifica delle cause di morte; in questa analisi si valuta come tali cambiamenti influiscano sulle statistiche di mortalità.

Riassunto:

Obiettivo: valutare l’impatto dell’introduzione in Italia della 10a revisione della Classificazione sulle statistiche di mortalità.
Disegno:
questo è uno studio di «Bridge-Coding», per cui sono stati utilizzati certificati di decesso codificati in doppio (ICD9 e ICD-10) da un gruppo di lavoro proveniente da diversi centri del Nord Italia. Al fine di standardizzare le regole di codifica, il gruppo di lavoro ha iniziato nel 2006 un progetto di formazione sul campo per l’apprendimento della 10a revisione.
Setting e partecipanti: lo studio è stato svolto da operatori delle regioni Emilia-Romagna, Veneto, Toscana, Liguria e delle ASL di Biella e Milano. L’analisi ha riguardato 74.525 certificazioni di decesso provenienti dalle suddette Ausl e Regioni.
Risultati: nell’analisi si sono osservate ridotte variazioni generali con scarso impatto per le statistiche nazionali di mortalità delle principali patologie (malattie cardiovascolari e tumori) e una maggiore variabilità per alcune patologie minori, come malattie infettive, respiratorie e demenze. Tali variazioni sono risultate simili, ma non totalmente coincidenti, a quelle segnalate in analoghi studi internazionali e nazionali, a dimostrazione che il «Bridge-Coding» ha valenza territoriale. Inoltre si segnala che le variazioni delle regole per la selezione della causa iniziale provocano, seppure con frequenza ridotta, spostamenti che non è possibile prevedere a priori o correggere applicando una procedura di transcodifica.
Conclusioni:
non tutte le variazioni date dal passaggio di classificazione possono essere corrette con procedure di transcodifica, anche applicando i CR (Comparability Ratios) provenienti da studi di «Bridge-Coding»; pertanto per studi che analizzano malattie respiratorie acute, demenza o alcuni tipi di tumore, si consiglia di procedere a una ricodifica della casistica a partire dal certificato di morte originale, in una sola versione della ICD. Infine va segnalato che la qualità e l’accuratezza della certificazione ha un impatto potenzialmente maggiore di quello della codifica, sebbene più casuale e quindi meno controllabile mediante studi di confronto come questo.
(Epidemiol Prev 2010; 34(3): 109-119)
Parole chiave:
mortalità, rapporto di comparabilità, ICD 10, ICD 9, bridge coding

Abstract:

Objective: this study evaluates the impact of the introduction of ICD-10 on mortality statistics in Italy.
Design:
«Bridge-Coding» analysis carried out by a working group that has coded a number of death certificates using both ICD-9 and ICD-10 versions. In 2006, a training project was launched in order to allow the group to standardize the coding procedures.
Setting:
the study was carried out by professionals from the following regions: Emilia-Romagna, Veneto, Tuscany, Liguria; and from the towns of Biella and Milan. The analysis included 74,525 Death Certificates produced in the aforementioned areas.
Results:
a limited variability was observed for the most important groups of diseases (diseases of the circulatory system and neoplasms), with low impact on mortality statistics. The variability was higher for “minor” diseases like infectious and respiratory diseases, and dementia. The variability was similar but not identical to that observed in other national and international studies. The «Bridge-Coding» analysis has a local impact. Furthermore, changes depending on the variation in the selection rules are impossible to predict or to correct with the trans-coding procedure.
Conclusions:
in some cases, the changes determined by the implementation of ICD-10 are not completely corrected by the transcoding procedure, even applying appropriate Comparability Ratios (CR) from «Bridge Coding» analysis like this. Studies on respiratory diseases, or dementia and some neoplasms require new coding procedures in only one ICD version. Quality and accuracy of the compilation of death certificates have more effect than a correct coding, though more casual and less evaluable by means of comparability studies like this one.
(Epidemiol Prev 2010; 34(3): 109-119)
Keywords:
mortality, comparability ratios, ICD 10, ICD 9, bridge coding


  • Se sei abbonato scarica il PDF nella colonna in alto a destra
  • Se non sei abbonato ti invitiamo ad abbonarti online cliccando qui
  • Se vuoi acquistare solo questo articolo scrivi a: abbonamenti@inferenze.it (20 euro)