strumenti e metodi
Epidemiol Prev 2018; 42 (3-4): 251-253
DOI: https://doi.org/10.19191/EP18.3-4.P251.073

Gli studi adattativi nella valutazione di efficacia dei farmaci

Adaptive studies to assess drug effectiveness

  • Paolo Bruzzi1

  • Giuseppe Traversa1

  1. Dipartimento di epidemiologia clinica, IRCCS AOU San Martino – IST, Genova
  2. Istituto superiore di sanità, Roma

Cosa si sapeva già

  • Diversi aspetti adattativi sono già oggi presenti nelle sperimentazioni cliniche sui farmaci, in particolare negli studi clinici di fase I e II.
  • Esempi di adattamento sono le regole di interruzione degli studi per eccesso di efficacia o per futilità o l’estensione di uno studio fino al raggiungimento di un numero minimo di eventi.

Cosa si aggiunge di nuovo

  • Alcuni adattamenti che sono oggi proposti – per esempio l’adattamento della selezione degli endpoint in base alla stima dell’effetto del trattamento nell’analisi ad interim – rischiano di compromettere la validità degli studi.
  • Gli studi con disegno adattativo presentano complessità sul piano organizzativo, oltre che su quello del disegno statistico: per esempio, analizzare ripetutamente i risultati dello studio durante il suo svolgimento implica un flusso molto tempestivo di tutti i dati, con controlli di qualità molto rapidi ed efficienti.

Riassunto:

Lo sviluppo clinico dei farmaci è basato su un modello consolidato che prevede, come riferimento, l’articolazione in studi successivi di dose-finding e attività (le fasi), fino agli studi randomizzati di efficacia: i randomized controlled trial (RCT), che seguono rigorosamente un protocollo prefissato. Questo modello rischia di essere eccessivamente rigido, perché non riesce a incorporare informazioni che via via si rendono disponibili. Per superare almeno in parte queste rigidità, sono stati proposti i cosiddetti disegni adattativi, cioè studi nei quali è possibile introdurre cambiamenti, modificando aspetti anche rilevanti del disegno, sulla base di risultati e informazioni ottenuti nello studio stesso. L’articolo presenta le principali caratteristiche di questi disegni e discute le cautele di cui tener conto nell’applicazione negli studi clinici.

Parole chiave: studi adattativi, studi clinici controllati e randomizzati, efficacia

Abstract:

ABSTRACT

The clinical development of drugs is based on a consolidated model that adopts, as a reference, the conduct of consecutive dose-finding and activity studies (the phases), up to the classical randomized controlled trials (RCTs), which are strictly regulated by a study protocol. This model is likely to be too rigid, since it cannot incorporate the information that gradually becomes available. To overcome, at least partly, this limited flexibility, so-called adaptive designs have been proposed: in these designs, it is possible to introduce changes and also to modify relevant aspects of a single design on the basis of results/information obtained in the study itself. This article presents the main characteristics of these designs and discusses the precautions to be taken into account in the application in clinical studies.

Keywords: adaptive studies, randomized controlled trials, effectiveness


  • Se sei abbonato scarica il PDF nella colonna in alto a destra
  • Se non sei abbonato ti invitiamo ad abbonarti online cliccando qui
  • Se vuoi acquistare solo questo articolo scrivi a: abbonamenti@inferenze.it (20 euro)

Inserisci il tuo commento

L'indirizzo mail è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CAPTCHA
Riporta le lettere mostrate nel riquadro senza spazi. Non c'è differenza tra maiuscole e minuscole.
y
G
F
p
h
Non inserire spazi. E' indifferente l'uso del maiuscolo/minuscolo