Rubrica Libri e storie

Libri e storie

Franco Carnevale

Franco Carnevale, nato in Calabria nel 1944, ha fatto le scuole medie e superiori in un collegio salesiano a Messina e si è laureato in medicina a Padova nel 1969 specializzandosi in medicina del lavoro oltre che in neurologia ed igiene e sanità pubblica. Assistente presso l'Istituto di Medicina del Lavoro dell’Università di Padova e poi di Verona sino al 1986 è diventato quindi, sino al 2009, dirigente di medicina del lavoro dell’Azienda Sanitaria di Firenze. Ha svolto stage formativi e di ricerca presso l'Università di Parigi, il NIOSH a Cincinnati, la IARC a Lione. E’ docente della Scuola di Specializzazione di Medicina del Lavoro all’Università di Firenze. Si è impegnato nelle varie branche della medicina del lavoro, dalla fisiopatologia respiratoria alla neurologia, dall'epidemiologia dei tumori alla organizzazione dei servizi pubblici di prevenzione nei luoghi di lavoro e della vigilanza istituzionale; è cultore della storia della salute dei lavoratori. E’ autore o coautore di circa cinquecento pubblicazioni scientifiche o divulgative, comprese una ventina di monografie.

Recensioni, riproposizioni, medical humanities (o meglio prevention humanities), storia e storie. E’ una sezione ampia e aperta, sia per gli ambiti che potranno essere toccati (salute dei lavoratori, ambiente ed ecologia, erogazione delle prestazioni sanitarie, formulazione delle politiche di sanità pubblica), sia per imateriali da prendere in considerazione (opere a stampa, scientifiche e letterarie, accademiche e non, elaborazioni artistiche, componimenti su base digitale, comprese immagini fotografiche e cinematografia, conferenze e manifestazioni). Attenzione particolare verrà posta a espressioni connotabili come ‘partecipazione dal basso’ e a iniziative riguardanti la salute a opera di ‘comunità scientifiche allargate’. I contributi potranno provenire da chiunque utilizzi la rivista, dagli autori dei lavori scientifici, dai coordinatori di altre sezione, dai lettori anche occasionali e da chiunque sia portatore di un qualche interesse nel campo della salute pubblica. Saranno garantiti interventi a largo raggio riguardanti i rapporti tra lavoro e salute e non mancheranno recensioni più tecniche di libri di epidemiologia in senso stretto.

Dal numero 5-6 del 2017 la rubrica si avvale di un secondo curatore: Alberto Baldasseroni.

in questa rubrica