articolo scientifico
Epidemiol Prev 2018; 42 (2): 160-166
DOI: https://doi.org/10.19191/EP18.2.P160.045

Un indicatore composito per la classificazione dei punti nascita

A composite indicator for maternity hospital classification

  • Giovanna Fantaci1

  • Mauro Ferrante2

  • Giuseppe Ettore3

  • Salvatore Scondotto1

  1. Dipartimento attività sanitarie e osservatorio epidemiologico, Assessorato alla salute, Regione Siciliana, Palermo
  2. Dipartimento culture e società, Università degli Studi di Palermo
  3. Dipartimento materno-infantile ARNAS Garibaldi-Nesima, Catania
Mauro Ferrante -

Cosa si sapeva già

  • I volumi di attività costituiscono uno degli indicatori maggiormente utilizzati per analizzare gli esiti di salute, anche nell’ambito della valutazione dei punti nascita.
  • Il National Health and Medical Research Council degli Stati Uniti raccomanda che i parti a rischio avvengano in strutture dotate di unità di terapia intensiva neonatale, al fine di ridurre il rischio di mortalità e morbilità.

Cosa si aggiunge di nuovo

  • La valutazione dei punti nascita deve tenere conto, oltre che dei volumi di attività, anche di altre dimensioni, tra le quali la localizzazione geografica, i trasferimenti materno e neonatale e il grado di complessità dell’evento parto.
  • L’indicatore composito proposto può rappresentare un supporto per la classificazione e il monitoraggio dei punti nascita nell’ambito dei programmi regionali di miglioramento della qualità assistenziale al parto e al neonato.

Riassunto:

OBIETTIVI: proporre un indicatore composito per la classificazione dei punti nascita.
DISEGNO: analisi descrittiva dei punti nascita attraverso la costruzione dell’indicatore composito e studio della relazione con i re-ricoveri neonatali a 30 giorni dall’evento parto.
SETTING E PARTECIPANTI: 56 punti nascita operanti in Sicilia, per un totale di 44.436 parti nel 2014.
PRINCIPALI MISURE DI OUTCOME: tassi di re-ricoveri a 30 giorni dall’evento parto.
RISULTATI: le strutture di più basso livello mostrano tassi più elevati di re-ricoveri neonatali (odds ratio: 1,3), quale spia di inappropriatezza dell’assistenza al parto.
CONCLUSIONE: l’indicatore proposto consente una classificazione dei punti nascita tale da permettere l’individuazione di eventuali segnali d’allarme in relazione alle dimensioni prese in esame.

Parole chiave: indicatore composito, punti nascita, valutazione dei servizi sanitari, regionalizzazione

Abstract:

OBJECTIVES: to propose a composite indicator for maternity hospital classification.
DESIGN: descriptive analysis of maternity hospitals through a composite indicator and analysis of its association with infant readmissions within 30 days from the childbirth.
SETTING AND PARTICIPANTS: 56 maternity units in Sicily, accounting for 44.436 newborns in 2014.
MAIN OUTCOME MEASURES: infant readmission rates within 30 days from the childbirth.
RESULTS: low-level hospitals show higher infant readmission rates (odds ratio: 1.3) which may be seen as a signal of inappropriateness of maternity care.
CONCLUSIONS: the proposed indicator allows for a classification of maternity hospitals taking into account for different dimensions of the quality of care; it allows the identification of critical signals related to the considered dimensions.

Keywords: composite indicator, maternity hospital, healthcare services evaluation, regionalization


  • Se sei abbonato scarica il PDF nella colonna in alto a destra
  • Se non sei abbonato ti invitiamo ad abbonarti online cliccando qui
  • Se vuoi acquistare solo questo articolo scrivi a: abbonamenti@inferenze.it (20 euro)

Inserisci il tuo commento

L'indirizzo mail è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CAPTCHA
Riporta le lettere mostrate nel riquadro senza spazi. Non c'è differenza tra maiuscole e minuscole.
k
z
x
L
6
Non inserire spazi. E' indifferente l'uso del maiuscolo/minuscolo